Complessità

Cari fratelli,

questa sera vorrei trattare insieme a voi di un tema piuttosto difficile e, per certi versi, scivoloso: il tema della complessità.

Perché difficile e perché scivoloso? Per almeno tre ordini di ragioni.

In primo luogo, perché è un tema fuori moda: nell’età della comunicazione istantanea, del bombardamento d’immagini semplici, degli slogan di pancia, delle vie più brevi e, diciamolo francamente, del pensiero “pret a porter”, quello della complessità può risultare un tema noioso, persino retorico, un fiume di parole e di raccomandazioni datate, da “maestrina dalla penna rossa”, che rischia di lasciare il tempo che trova e di non avere nessuna influenza sul reale.

In secondo luogo, perché, come conseguenza del primo punto, può apparire un tema snob: la complessità, spesso si pensa, implica impegno, l’acquisizione e il possesso di strumenti culturali e critici, l’avere tempo da dedicare alla raccolta di dati, al pensiero e all’analisi, tutte cose che, con tutta probabilità, pochi si possono permettere e che molti amano etichettare come “fesserie da intellettualoidi sfaccendati”. Ragion per cui, nell’affrontare questo argomento non posso fare a meno di temere che questo mio sermone possa trasformarsi, ancora una volta, in un’arma in mano ai molti che già ci considerano “poco lineari”, “troppo elitari”, “troppo difficili”, lontani dalle esigenza spirituali della gente comune e, conseguentemente, destinati, come sempre nel corso della nostra storia, alla marginalità.

In terzo luogo, e, in un quadro in cui “tutto si tiene”, ancora devo parlare di conseguenza dei punti precedenti, in un’ottica spirituale il mio disagio nell’affrontare questo tema riguarda il timore che, involontariamente, le mie parole possano suonare come un attacco a tutte quelle denominazione, a tutti quei “credi” e a quelle religioni che hanno “risposte in tasca”, risposte in fondo facili a tutte le grandi questioni, a partire da assunti predeterminati, da dogmi e dichiarazioni di fede che, in quanto tali, non richiedono particolari vagli e filtri critici. Non è assolutamente questa la mia intenzione, anzi, per molti versi, non esito a dire che le religioni, in questo senso, sono probabilmente, come vedremo, le meno responsabili o, quantomeno, le meno colpevoli nel processo di progressivo sbriciolamento della complessità in monadi semplificate e, purtroppo, assai spesso semplicistiche a cui quotidianamente assistiamo.

Prima di tutto, però, dobbiamo cercare di definire la complessità ed è operazione non certo facile. Proverò a utilizzare una metafora, forse non del tutto calzante, ma che ci può aiutare a capire.

Supponiamo di avere in mano un oggetto cubico e che, per qualche nostra ragione, vogliamo conoscere le caratteristiche geometriche e fisiche di tale oggetto. Ecco, la complessità (e mi si scuserà se, paradossalmente, semplifico troppo il concetto) starà nell’effettuare una serie di operazioni specifiche: dovremo rigirare il cubo tra le dita e controllare tramite l’osservazione che tutte le sei facce siano presenti, poi dovremo accertarci di avere effettivamente a che fare con un cubo armandoci di uno strumento tarato in millimetri come un metro, un righello o un calibro e misurare attentamente ogni lato di ogni faccia (e, se davvero fossimo amanti di una complessità persino eccessiva, dovremmo effettuare la misurazione con due strumenti diversi, non potendo essere sicuri che uno strumento sia sicuramente tarato in modo ottimale), dovremo effettuare dei calcoli utilizzando una formula geometrica e, se non la ricordiamo, cercarla su un libro per misurare il volume del nostro oggetto, poi, con una bilancia di precisione dovremo pesarlo e se non sappiamo se il cubo e pieno o vuoto al suo interno, dovremo, in qualche modo, accertarci della materie di cui è formato e confrontare, utilizzando altri testi, il suo peso effettivo con il peso atomico presunto della materia moltiplicando il volume per il peso atomico delle tabelle dei materiali. E, tutto questo, giusto per avere una idea base dell’oggetto, che nulla, di per sé, dice di mille altre variabili relative alla sua provenienza, al suo utilizzo, etc.

Insomma, per dirla in soldoni, la complessità è una rottura di palle incredibile … e stiamo parlando di un cubo … Immaginate se parlassimo di un oggetto con 6872 facce, tutte irregolari, formate di materiali compositi ed eterogenei di provenienza assolutamente disparata… E, soprattutto, pensate che praticamente tutte le applicazioni della complessità su questioni legate alle attività umane sono metaforicamente molto più simili a questo secondo oggetto che al nostro cubo.

E allora? Allora, magari anche in buonissima fede, magari anche solo per mancanza di tempo, per stanchezza o per mancanza di voglia, tre diventano le reazioni tipiche più comuni di fronte al nostro cubo:

1) lo guardo di sfuggita, penso a tutto quello che dovrei fare per analizzarlo correttamente e, mormorando “ma chi se ne frega di ‘sto cubo!”, lo getto via e mi trovo altro da fare;

2) magari ci provo anche ad analizzarlo ma ho tre minuti e, allora, sì, gli dò una guardata, a spanne mi sembra proprio un cubo e mi convinco che lo sia, a occhio direi che ha un lato di un paio di centimetri, che mi pare faccia un volume di 23 = 8 centimetri, lo soppeso e, più o meno, sarà 4 etti e mi pare sia di pietra. Ok: scrivo su un pezzo di carta che è certamente un cubo di pietra di 8 centimetri di volume e di 400 grammi di peso e la mia analisi è pronta;

3) cerco “cubo” su Google Images e ne trovo uno simile al mio, apro la pagina e c’è qualcuno, che posso conoscere o non conoscere, che, di fianco ad un cubo come il mio ha scritto che ha un volume di 696 millimetri e un peso di 846 grammi. Mi fido e copio i dati.

Ognuno di queste reazioni ha un nome specifico: rifiuto, pressapochismo, fideismo. E, fratelli, ognuno di essi è, in piccola o grande misura, la causa dello sgretolarsi del nostro substrato sociale e culturale, prima ancora che spirituale.

Il rifiuto è, ad esempio, l’atteggiamento che caratterizza sempre più gran parte delle giovani generazioni. C’è un mondo che fa schifo ma analizzare quali siano le cause del problema è faticoso, appunto “complesso” e c’è sicuramente di meglio da fare quindi, un bel “chissenefrega” e mi costruisco la mia realtà parallela, fatta di aria e niente forse, ma almeno così semplice da permettermi di pensare che non c’è niente da capire. Il pressapochismo è, invece, l’atteggiamento più comune, che tutti prima o poi abbiamo sperimentato. Ma sì, alla fine non è così difficile (soprattutto se ci si ferma alla superficie delle cose) e a noi “tuttologi del buon senso” bastano tre minuti per capire tutto dopo aver letto cinque righe, per formarci opinioni ben chiare e consolidate ed essere certi che siano giuste, senza doverci per forza prendere la briga di meditare, di verificare, di riflettere, di confrontare le nostre posizioni con quelle degli altri: a noi tutto è chiaro e per noi davvero non c’è nulla da capire né, anche ci fosse, avremmo il tempo per farlo perché siamo già intenti a pattinare sulla superficie di qualche altra cosa su cui dare giudizi. Il fideismo, invece, mi pare che sia un fenomeno sempre più in ripresa ultimamente. C’è chi pensa per noi, c’è chi è pagato per farlo o chi adora farlo mentre noi preferiamo pensare agli affari nostri, ai nostri problemi: se lo dicono loro che, presuntamente, ci si sono impegnati, avranno ragione, i dati che ci citano saranno corretti, le cose che ci dicono saranno meditate e giuste. E, anche se qualche volta ci sfiora leggermente il dubbio che ci stiano manipolando, insieme ai dati del reale, per il loro tornaconto, se siamo convinti che abbiano ragione, beh, allora forse lo saremo per sempre perché ammettere di esserci sbagliati implica quella “dissonanza cognitiva” che ci pesa così tanto … Così nascono tutti gli “-ismi”, dai totalitarismi ai fanatismi, ai populismi che ammorbano il mondo!

Ma, attenzione fratelli, anche sul piano religioso o spirituale questi tre modi di essere assumono determinazioni ben specifiche. Dal materialismo spiccio di chi non ha voglia di fare i conti con realtà che lo trascendono perché è tanto più comodo farsi gli affari propri, pensare al cash e alla bella vita, godersi l’esistenza quanto possibile e chissenefrega di tutto il resto, a quelli che “ma questi incivili (o eretici, o invasati, o intellettuali da quattro soldi, o buonisti, etc.) che vogliono? Tutto è così chiaro, è scritto nero su bianco, è predicato da secoli! Noi non ci facciamo venire grilli per la testa e seguiamo quello che ci è stato insegnato al catechismo quando eravamo piccoli e che, da allora, ci è parso logico, ci è sempre sembrato giusto anche senza leggere tutti quei mattoni di libri teologici inutili!”, a quelli che, infine, hanno una fede cieca, incrollabile, invincibile, perché così sono le cose, così dice la Chiesa, così recitano i dogmi e l’ipse dixit non si discute!

E, come vi dicevo, forse, persino paradossalmente, questi che potrebbero apparire i più micidiali, che a noi possono sembrare i più incomprensibili, i più ottusi, sono, si badi bene solo in campo spirituale, i meno peggio perché, almeno, sono onesti: il loro fideismo nasce dalla fede, come è naturale, e nella loro cecità di fronte alla complessità c’è almeno, di solito, un buon grado di onestà e devozione, oltre alla ammissione di un “affidarsi” acritico che giunge fino al “mistero della fede” e al “credo quia absurdum” quando persino la loro istituzione di riferimento scarseggia di risposte logiche.

Nel mio scorso sermone, fratelli, vi parlavo del dubbio e vi dicevo che non credo che il dubbio ci porti a nessuna grande “Verità” ma ci sono alcune domande, quelle che già menzionavo, come “perché?”, “chi lo dice?”, “su che basi?” “è sensato?”, etc., che sono, insieme al dialogo con posizioni diverse dalle nostre e allo studio incessante di fonti disparate, alcune delle colonne della complessità spirituale, di quella complessità che se accettata come ottica di visione in campo metafisico diventa il nostro sistema di riferimento anche in ogni altro settore della nostra vita.

E, sì, certo, la complessità è difficile, è faticosa, è caotica e dà poche certezze quando le variabili da analizzare diventano migliaia, a volte milioni, quando essa ingloba ogni punto di riferimento nella sua famelica volontà di analizzare e comprendere ogni aspetto ma, ve lo dico francamente, è questo atteggiamento verso la complessità che cerca, senza mai poterla totalmente raggiungere, la conoscenza, la saggezza e la compassione nel senso più vero del termine ciò che mi ha fatto innamorare dello U*Uismo e che ogni giorno mi fa pregare perché noi tutti U*U, ciascuno a suo modo, magari anche con le nostre debolezze e cadute, sappiamo sempre mantenerci saldi nel nostro essere, pur tra accuse di intellettualismo e apparentemente poca modernità nel non semplificare il nostro pensiero, sempre custodi della complessità.

Adonai echad,

Amen.

Please follow and like us: